Vai al contenuto principale
Coronavirus: aggiornamenti per la comunità universitaria / Coronavirus: updates for UniTo Community
Oggetto:
Oggetto:

Anestesiologia, medicina operatoria e clinica chirurgica veterinaria I

Oggetto:

Anesthesiology, Surgical Techniques and Veterinary Surgical Clinics I

Oggetto:

Anno accademico 2015/2016

Codice dell'attività didattica
VET0027
Docenti
Prof. Alberto VALAZZA (Titolare)
Prof. Marina MARTANO (Affidatario)
Prof. Emanuela Maria MORELLO (Affidatario)
Dott. Mitzy MAUTHE DEGERFELD (Responsabile)
Prof. Paolo BURACCO (Titolare)
Prof. Bruno PEIRONE (Titolare)
Prof. Adalberto MERIGHI (Titolare)
Dott. Francesco FERRINI (Affidatario)
Anno
4° anno
Tipologia
Corso integrato
Crediti/Valenza
12
SSD dell'attività didattica
VET/01 - anatomia degli animali domestici
VET/09 - clinica chirurgica veterinaria
Modalità di erogazione
Tradizionale
Lingua di insegnamento
Italiano
Modalità di frequenza
Obbligo frequenza 80% delle ore esercitative
Tipologia d'esame
Orale
Prerequisiti
Lo studente deve risultare adeguatamente preparato in anatomia e fisiologia, per poter comprendere le alterazioni patologiche e le modalità di esecuzione di un esame obiettivo generale e particolare, e in farmacologia per meglio capire l'utilizzo pratico dei farmaci (indicazioni, scelta, modalità di somministrazione, risposte cliniche, effetti collaterali).
Oggetto:

Sommario insegnamento

Oggetto:

Obiettivi formativi

Apprendimento delle principali tecniche anestesiologiche nelle varie specie domestiche (piccoli e grossi animali), in relazione a situazioni cliniche ed interventi chirurgici differenti. Insegnamento dei principi generali della chirurgia in campo veterinario, con apprendimento delle principali tecniche chirurgiche di base.

Apprendimento ragionato e progressivo dell'approccio clinico della malattia chirurgica dei piccoli animali domesticii, inerenti gli apparati muscolo-scheletrico e  respiratorio, mediante opportuna integrazione di anatomia e fisiologia degli apparati considerati. L'apprendimento prevede l'interpretazione clinica e strumentale delle alterazioni locali e sistemiche indotte, nei piccoli animali, da modificazioni patologiche a carico dei distretti considerati .

Oggetto:

Risultati dell'apprendimento attesi

CONOSCENZA E CAPACITÀ DI COMPRENSIONE

Conoscenza dell’anatomia generale e in particolare regionale dei carnivori domestici e cavallo e interpretazione dei segni clinici delle malattie chirurgiche, per definizione localizzate.

Conoscenza degli anestetici, loro effetti clinici/collaterali e tecniche d’uso nei piccoli e nei grossi animali.

Conoscenza dei materiali e degli strumenti chirurgici, dei principi di asepsi, delle tecniche di disinfezione/sterilizzazione, della strutturazione e organizzazione delle sale chirurgiche e dell’abbigliamento degli operatori e delle modalità di vestizione.

Conoscenza delle tecniche chirurgiche di base in relazione i vari apparati e tessuti (duri e molli).

Conoscenza clinico-diagnostica delle principali malattie chirurgiche degli apparati muscolo-scheletrico e respiratorio dei piccoli animali e relative opzioni terapeutiche

Conoscenze che consentano di eseguire ricerche su testi scientifici e indagini bibliografiche per confermare ipotesi diagnostiche o identificare e vagliare nuove metodologie di lavoro.

CAPACITÀ DI APPLICARE CONOSCENZA E COMPRENSIONE

Capacità, di fronte ad un caso clinico, di giungere a un sospetto diagnostico e/o alla formulazione di un protocollo anestesiologico, diagnostico e/o terapeutico.

Capacità di scelta relativamente una tecnica o un approccio chirurgico e il materiale da utilizzare.

Acquisizione di una metodologia di lavoro che consenta di raggiungere lo scopo prefisso (diagnosi, terapia, percorso per raggiungerli) da riapplicare in nuovi casi clinici in termini di procedure, materiali e farmaci

AUTONOMIA DI GIUDIZIO

Capacità di identificare il percorso diagnostico e discriminare o giungere a una diagnosi escludendo, in diagnosi differenziale, altre possibilità.

Scelta discriminativa di materiali, tecniche, protocolli.

Capacità di giudizio del caso clinico interpretando criticamente anamnesi, segni clinici, risultati diagnostici in eventuale comparazione con i dati scientifici riportati in bibliografia.

ABILITÀ COMUNICATIVE

Possibilità di interfacciarsi con colleghi con linguaggio competente e inequivocabile.

Padronanza  dell’argomento con capacità di trasmissione dell’informazione.

CAPACITÀ DI APPRENDIMENTO

Acquisizione di un metodo di studio clinico e di elaborazione mentale del dato che faciliti e incoraggi l’acquisizione di ulteriori nozioni.

Oggetto:

Modalità di insegnamento

MD Anestesiologia e Medicina operatoria:

Anestesiologia - Lezioni teoriche frontali: 21 ore - Lezioni esercitative: 16 ore (collettive in aula su casi clinici o seminari: 13 ore; piccoli gruppi in sala operatoria o settoria: 3 ore) + 6 ore round clinici a piccoli gruppi in sala operatoria.

Medicina operatoria - Lezioni teoriche frontali : 21 ore - Lezioni esercitative: 13 ore  (a piccoli gruppi in sala operatoria e in sala settoria: 8 ore; a gruppi in aula su casi clinici: 3 ore; seminario in aula collettivo: 2 ore).

MD Semeiotica e clinica chirurgica I :

Apparatore respiratorio:  Lezioni teoriche frontali: 7 ore - Lezioni esercitative:  5 ore (discussione casi clinici - studenti divisi in 3 gruppi, A,B,C) + round clinici a piccoli gruppi  insieme a VET0030 e insieme ai colleghi: 12 ore in sala chirurgica e 6 ore di chemioterapia e gestione medica pazienti oncologici.

Apparato muscolo-scheletrico: Lezioni teoriche frontali: 14 ore - Lezioni esercitative: 15 ore (a gruppi in aula su casi clinici e in sala settoria) + 12 ore di round clinici a piccoli gruppi

MD Anatomia Applicata - Lezioni teoriche frontali: 30 ore - Lezioni esercitative: 9 ore suddivise in 3 esercitazioni a piccoli gruppi di 3 ore ciascuna.

Oggetto:

Modalità di verifica dell'apprendimento

Esame finale orale multidisciplinare prevalentemente su casi clinici.

Per il MD Anatomia Applicata il candidato può scegliere di fruire di un esonero scritto.

L'esonero previsto per il MD Anatomia applicata si svolge tre volte l'anno (Giugno, Settembre e Gennaio) presso il laboratorio informatico del Dipartimento di Scienze Veterinarie. La prova consiste in 30 domande a risposta chiusa ognuna del valore massimo di 1 punto. L'esonero è superato con punteggio >18/30 e pesa per il 25% nel voto finale. Il voto dell'esonero vale fino a che sia stato espletato il numero di appelli successivi del corso previsti per l’anno accademico, indipendentemente dalla presentazione del candidato.

Durante l'esame il candidato discuterà oralmente con la commissione d'esame di specifiche patologie a carattere chirurgico dei piccoli animali (cane e gatto), affrontando aspetti quali segni clinici, eziopatogenesi, approccio diagnostico e terapeutico, partendo da casi clinici. Il candidato sarà inoltre tenuto a rispondere circa le principali tecniche anestesiologiche impiegabili nelle diverse specie (piccoli e grossi animali), in relazione anche alla tipologia dell'intervento operatorio e alla situazione clinica. Il candidato dovrà anche dimostrare di aver sufficientemente compreso le alterazioni fisiopatologiche connesse all'anestesia. Al candidato sarà infine richiesta la descrizione delle manualità da eseguire per la preparazione chirurgica del paziente e del chirurgo, delle caratteristiche della sala operatoria, dei principi dell'antisepsi e i criteri di scelta dei materiali utilizzati in chirurgia, nonché delle tecniche da impiegarsi nel trattamento chirurgico di specifiche patologie. I candidati che non avranno fruito dell’esonero del MD Anatomia Applicata, sosterranno contestualmente anche la prova orale per tale modulo. Il candidato dovrà dimostrare di avere compreso le basi anatomiche implicate nell'interpretazione dei segni clinici delle malattie chirurgiche, nell’esecuzione dei principali accessi chirurgici e nella diagnostica per immagini. La valutazione finale è data per il 25% da Anestesiologia (3 CFU), il 25% da Medicina Operatoria (3CFU), il 25% da Semeiotica e clinica chirurgica I (3 CFU) e per restante 25% da Anatomia applicata (3CFU).

 

 

Oggetto:

Programma

MD Anestesiologia e Medicina operatoria: modulo teorico-pratico che presenta le tecniche di sedazione, premedicazione anestetica, induzione e mantenimento dell'anestesia generale con agenti iniettabili ed inalanti e/o con tecniche c.d. bilanciate (con particolare riferimento alla c.d. pre emptive analgesia) nei piccoli e grossi animali. Valutazione della profondità anestetica con impiego di monitoraggio clinico e strumentale. Complicanze e loro trattamento. Tecniche di anestesia loco-regionale. Controllo del dolore perioperatorio. Esercitazioni su: strumentario anestesiologico in sala operatoria; protocollo ragionato di preanestesia su casi simulati di piccoli e grossi animali; esecuzione intubazione su manichino di cane e su cadavere di varie specie (secondo la disponibilità in sala settoria); : BLS e CPR nel cane e nel gatto con prove su manichino; protocollo ragionato di anestesia su casi simulati di piccoli e grossi animali; seminario sulla gestione anestesiologica dei volatili; seminario sulla teleanestesia.

Vengono altresì presentati i principi generali della chirurgia, le caratteristiche della sala operatoria e degli ambienti collaterali, le modalità di sterilizzazione e preparazione del materiale chirurgico, di preparazione del paziente e del chirurgo, lo strumentario chirurgico di base, la scelta del materiale di sutura, le tecniche chirurgiche di base (esecuzione delle suture, principi di emostasi, ecc.)  le tecniche di riduzione e fissazione delle fratture, l'accesso alla cavità addominale nei piccoli animali e sue complicanze (peritonite). Esercitazioni su: scrub e vestizione del chirurgo, allestimento carrello operatorio; esecuzione suture su manichino in silicone; esecuzione suture su cadavere di cane e gatto; esecuzione celiotomia mediana e splenectomia su cadavere di coniglio; presentazione casi clinici inerenti la materia; seminario su medicina operatoria degli equini.

MD Semeiotica e clinica chirurgica I: Inquadramento clinico e diagnostico delle principali malattie chirurgiche degli apparati muscolo-scheletrico e respiratorio dei piccoli animali. Viene impiegato il metodo dell'approccio orientato al problema, che si basa su:
raccolta del segnalamento e dell'anamnesi; metodo BOA (Breed Oriented Approach), rilievi clinici, diagnosi differenziale, indagini collaterali, diagnosi definitiva, opzioni terapeutiche.

1) Apparato muscolo-scheletrico: verranno considerate le principali patologie traumatiche articolari, le patologie articolari displasiche dell'accrescimento, la rottura del legamento crociato, la lussazione rotulea e le patologie traumatiche muscolari. Verrà illustrato il percorso diagnostico per l'interpretazione della zoppia, basato sulla valutazione dell'andatura, la visita ortopedica e le indagini collaterali di diagnostica per immagini. Esercitazioni su: casi clinici interattivi preparati su presentazioni.

2) Apparato respiratorio: verranno considerate le principali patologie delle prime vie respiratorie (nei soggetti brachicefali e non). Inoltre verranno considerate le malattie dello spazio pleurico, pericardiaco e della parte toracica (pneumotorace e versamenti). Ogni patologia sarà trattata in termini di valutazione dei segni clinici, diagnostiche e trattamento. Esercitazioni su: presentazione e discussione su casi clinici inerenti la materia.

MD Anatomia applicata: modulo di carattere teorico-partico che affronta l'anatomia regionale delle principali specie domestiche con particolare riferimento ai carnivori domestici e al cavallo in chiave applicativa per la diagnostica per immagini, gli effetti fisiopatologici conseguenti a malattia e l'interpretazione dei segni clinici delle malattie chirurgiche. Le lezioni teoriche hanno lo scopo di promuovere nello studente un approccio di tipo induttivo allo studio dell'anatomia, che, partendo dalla presentazione di singoli casi clinici, rilevi i collegamenti con le nozioni dell'anatomia descrittiva. Esercitazioni su cadavere relative a: anatomia applicata di testa e collo, anatomia applicata di torace e addome, anatomia applicata degli arti.

Tranne per i  MD Anestesiologia ed Anatomia applicata che trattano argomenti su piccoli e grossi animali, gli altri MD sono principalmente rivolti ai piccoli animali in quanto le relative parti sui grossi animali sono di competenza del CI Vet 0030 - Clinica chirurgica veterinaria 2.

Ulteriori esercitazioni pratiche vengono svolte nei round clinici a piccoli gruppi relativi a: Chirurgia sale visita, Chirurgia sala operatoria, Chirurgia delle specie non convenzionali (visite, anestesia, chirurgia),  Anestesiologia.

Testi consigliati e bibliografia

Oggetto:

Testo di riferimento:

Clarke K.W., Trim C.M., Hall L.W., : Veterinary Anaesthesia.  XI ed. W.B. Saunders Company, 2013.

Tobias-Johnston. Veterinary surgery.  Small animal. Elsevier ed., 2012.

Merighi A. : Anatomia applicata e topografia regionale veterinaria. Piccin Nuova Libraria.

Approfondimenti:

Tranquilli W.J., Thurmon J.C., Grimm K.A.: Lumb & Jones' Veterinary Anaesthesia and Analgesia 4th ed. Wiley-Blackwell, 2007.

Bojrab M.J.: Current techniques in small animal surgery. 4th ed. Williams & Wilkins.

Fossum T.W.: Small Animal Surgery, IV ed. Elsevier, 2013.

Slatter D.: Textbook of small animal surgery 3rd ed. Saunders.

Slides proiettate a lezione e presenti on line come materiale didattico.

Si precisa che le slides proiettate a lezione sono solo una traccia da approfondire  poi sul testo consigliato (Anatomia applicata), su uno dei due consigliati (Anestesiologia) o su uno dei quattro consigliati ( Semeiotica e clinica chirurgica I e Medicina operatoria).



Oggetto:

Note

Esami propedeutici:

VET 0025 - CI Patologia e diagnostica chirurgica e Radiologia Veterinaria

VET 0017 - CI Farmacologia veterinaria e statistica applicata.

Oggetto:

Moduli didattici

Oggetto:
Ultimo aggiornamento: 10/05/2016 09:39
Location: https://www.clmveterinaria.unito.it/robots.html
Non cliccare qui!